gr | en | fr | de | it

Paros Butterflies


P E T A L O U D E S LA VALLE DELLE FARFALLE

UNA MAGICA, VERDE OASI RALLEGRATA DAL MORMORIO DELLE ACQUA NEL MEZZO DI UN’ ARIDA E SPOGLIA ZONA MONTAGNOSA E NELLA VALLE TANTE VARIETA DI ALBERI: CIPRESSI, ULIVI, CASTAGNI MORI ED ANCORA, FRA FOLTI RAMPICAN TI, CILIEGI, LIMONI, ARANCI, E ALBICOCCHI.

E’ QUESTO IL POSTO FAVORITO DALLE PANAXIA QUADRIPUNCTARIA , NOME SCIENTIFICO DI QUESTE FARFALLE NOTTURNE DELLA FAMIGLIA DELLE ARCTIIDAE ( GRUPPO DEI LEPIDORTEREI. )

LE PANAXIA, IL CUI CICLO DI VITA VA DA GIUGNO A SEPTEMBRE SONO CARATTERIZZATE DA UN COLORE MARRONE INTENSO CON STRIATURE BIANCHE E GIALLE SULLE ALI,COLORI CHE UNA VOLTA IN VOLO, SI ALTERNANO AD UN ROSSO CORALLO QUANDO ANCHE L DELICATE ALI INTERNE ENTRANO IN MOVIMENTO.

QUESTE FARFALLE SI ACCOPIANO DA GIUGNO A SEPTEMBRE. ALL’ INIZIO DI QUESTO MESE LASCIANO LA VALLE DI NOTTE ALLA RICERCA DO POSTI DOVE DEPORRE LE LORO UOVA (POSTI SEMBRE VERDI E CON BASSA VEGETAZIONE) :OGNI FEMMINA DEPOSITA CIRCA 100 UOVA DELLE DIMENSIONI DI MESO DI UN MILLIMETRO DI DIAMETRO.

RIMANGANO ALLO STATO LAVRALE FINO ALLA PRIMAVERA SUCCESINA, ACQUISENTO IN QUESTO PERIODO TUTTE LE SONTANZE NUTRITIVE CHE VERRANNO UTILIZZATE IN TUTTI I LORO ULTERIORI STADI EVOLUTIVI, TRASCORRENDO QUINDI LA RELATIVA ESTATE SENZA CIBO.

AD APRILE I BRUCHI ESCONO DALLE UOVA E SI SPARGONO NEI DINTORNI, A MAGGIO DIVENTANO CRISALIDI ED A GIUGNO SI TRASFORMANO IN FARFALLE COMPLETANTO IN TAL MODO LA METAMORFOSI.IL CALDO E L’ODORE DELLA RESINA LE RICONDUCONO ALLA VALLE CHE ESSE RAGGIUNGONO VOLANDO DI NOTTE E LI SI FERMANO DANDO VITA AD UN NUOVO CICLO.

LE FARFALLE PERTANTO NELLA VALLE SONO IN RIPOSO DURANTE IL GIORNO ED ATTIVE NEL CORSO DELLA NOTTE. PETALOYDES RAPPRESENTA L’AMBRIENTE IDEALE PER QUESTI MAGNIFICI ESEMPLARI, NONOSTANTE LA PRESENTA DI ANTAGONISTI E NEMICI NATURALI QYALI VESPE, LUCERTOLE -RAGNI ED UCCELLI.

MA IL PIU’ GROSSO PERICOLO E’ RAPPRESENTATO DALL’ UOMO.
LA PANAXIA DORME E RIPOSA DURANTE IL GIORNO: I FRENETICI VOLI AI QUALI VIENE COSTRETTA, GLI ACUTI FISCHI E GRIDA DELLA GENTE LA CONTRINGONO AD UNO SPRECO DI ENERGIA TANTO DANNOSA DA POTERLA CONDURRE ANCHE ALLA MORTE. E’PER QUESTO CHE CHIEDIAMO AI NOSTRI CORTESI VISITATORI DI ESSERE RISPETTOSI AL MASSIMO DELL’ AMBIENTE EVITANDO ASSOLUTAMENTE DI

SCUOTERE GLI ALBERI ED I RAMI FISCHIARE.
NON METTERE IN PERICOLO LA PANAXIA AL SEMBRE SCOPO DI SCATTARE UNA FOTO.

GOTETEVI E FATE CHE ANCHE GLI ALTRI POSSANO GOTERE DELLI BELLEZA DI QUESTO POSTO CON LA LUCE CHE GIOSA FRA GLI ALBERTI E L’ACQUA IN PERPETUO DOLCE MORMORIO E SOPRATTUTO AIUTATECI A CONSERVARE QUESTO MIRACOLO DELLA NATURA.

PROTEGGENTO CON NOI LA PANAXIA.

GRAZIE.